Inbound Marketing: una strategia vincente

Negli ultimi decenni il marketing ha subìto radicali mutamenti adattandosi così alla reale esigenza dei professionisti e dei consumatori.
Ecco che nasce l’Inbound Marketing, una tecnica raffinata per incrementare le visite nel proprio sito/e-commerce, catturando l’attenzione dell’utente con messaggi mirati con l’obiettivo di trasformarlo in cliente.

Come lo definisce Wikipedia?

“Il termine Inbound marketing indica una modalità di marketing centrata sull’essere trovati da potenziali clienti (outside-in) in contrasto alla modalità tradizionale, detta anche outbound marketing (inside-out) che è imperniata su un messaggio direzionato unicamente verso il cliente. Con l’Inbound si passa dall’Interruption al Permission Marketing: l’audience va conquistata fornendo contenuti interessanti e utili per il target di riferimento, non interrotta.”

In breve, si potrebbe dire che l’inbound ha come obiettivo quello di aumentare il numero di visitatori in un sito web, un blog o profilo di social network, con lo scopo di trasformarli in lead (ovvero i contatti di un database che contiene i dati di coloro che hanno mostrato interesse per l’azienda e per suoi contenuti online).
Da quel momento in poi le informazioni dei visitatori verranno elaborate in maniera sicura allo scopo di far conoscere le offerte, promozioni ecc… al fine di trasformarli in clienti.

L’Inbound si contrappone all’Outbound marketing, ovvero tutte quelle tecniche invasive di marketing come spot pubblicitari ed e-mail che molto spesso risultano aggressivi agli utenti. Infatti è una vera e propria filosofia di marketing tanto che viene definita con il termine “love marketing” per la sua pertinenza, ma soprattutto poiché pone al centro dell’attenzione i contenuti giusti al momento giusto.

Come funziona l’Inbound Marketing?

Questo schema riassume la metodologia dell’Inbound: prima di tutto si crea un bacino d’attenzione d’utenza e permette di promuovere siti web, rendere blog o social network più dinamici e attivi; inoltre si possono ottenere informazioni essenziali, non solo dei clienti ma anche di tutte le persone che hanno dimostrato un interesse per un prodotto o un contenuto.

Il secondo momento è la conversione dei dati in lead: i dati dei visitatori vengono estrapolati e analizzati così da creare un piano marketing di successo.

Non appena i dati del possibile cliente vengono incorporati nel nostro database, si inizia un marketing più incisivo ovvero il marketing “sales”: sappiamo già a cosa è interessato il nostro cliente, quindi ora è il momento giusto per proporgli il prodotto/contenuto.

L’inbound è un marketing che si è dimostrato sempre vincente soprattutto riesce a cogliere i desideri dei visitatori in maniera soft e accattivante.
Ma non solo, poiché l’Inbound si concentra su aspetti più importanti quali la costumer care (la soddisfazione del cliente): il cliente, quindi, non sarà più passivo ma diventerà un promotore attivo presso la sua rete di contatti.